Home / Territorio e Comunità / Le vie che corrono verso Primiero

Le vie che corrono verso Primiero

Nel 2011 la Rete della Storia e della Memoria ha avviato un progetto volto allo studio dell’antica via dello Schenèr, che copriva la distanza tra la valle del Primiero e la città di Feltre, il primo e inevitabile scalo attraverso il quale entrare in contatto, con il mondo della pianura veneta e con l’emporio internazionale di Venezia.

La via dello Schenèr copriva la distanza tra la valle del Primiero e la città di Feltre, il primo e inevitabile scalo attraverso il quale entrare in contatto, per ragioni economiche ma anche, più generalmente, culturali, con il mondo della pianura veneta e con l’emporio internazionale di Venezia. La via di Schenèr fu un percorso alpino dei più duri e pericolosi, sul quale il transito era possibile esclusivamente a piedi o a dorso di mulo. Nonostante tali difficoltà e rischi, fu questa strada così aspra a garantire per secoli, tra Feltre e il Primiero, un costante e ininterrotto interscambio.

Per trattare questa materia, col progetto avviato nel 2011, è stato necessario adottare un criterio cronologicamente elastico e di lunga durata. L’arco di tempo preso in esame parte infatti dal Duecento e arriva fino alle soglie del Novecento, quando l’antica via venne definitivamente abbandonata in luogo di una strada, carrozzabile, posta a livelli altimetrici più bassi sulla valle del Cismon e avente per capolinea non più Feltre ma Fonzaso, lungo il percorso tuttora coperto dalla Strada Statale 50.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi