Home / da/per primiero / Terre d’Acqua: zone umide a Primiero

Terre d’Acqua: zone umide a Primiero

Nel biennio 2014-2105 si è svolto il progetto di ricerca e divulgazione Terre d’Acqua: zone umide a Primiero.

L’attività, promossa dalla Comunità di Primiero in collaborazione con il Parco Paneveggio Pale di San Martino e la Fondazione Museo Civico di Rovereto, si è svolta all’interno del programma dynAlp-nature dell’Alleanza delle Alpi.

I risultati di conoscenza del progetto saranno preziosi anche per sostenere la pianificazione territoriale nella salvaguardia e valorizzazione delle zone umide.

Da questo punto di vista, il progetto ha già raggiunto un notevole risultato mettendo in evidenza la presenza, sinora nota a pochi, di almeno 300 terre d’acqua. Un patrimonio che, per rilevanza qualitativa e consistenza quantitativa, si profila come un’invariante territoriale: un carattere importante e primario, espressione delle peculiarità geografiche e climatiche di Primiero.

Questo volume raccoglie stimoli e riflessioni, analisi e modelli, nonché esperienze pratiche venuti alla luce con lo svolgimento di questo progetto.

Alle quattro elaborazioni finali proposte dai ricercatori incaricati (articoli di Daniele Corona, Alessio Bertolli e Filippo Prosser, Piergiovanni Partel e Angelo Longo) affianca due contributi che provengono da fuori Primiero testimoniando esperienze esterne di salvaguardia (Marialuisa Dal Cortivo) e inquadrando la tematica in una prospettiva più ampia (Nadia Breda).

Il volume è completato da quattro finestre informative su tematiche specifiche della realtà locale.

Visualizza il volume in pdf.

da/per Primiero 2/2015 – Terre d’Acqua 

SOMMARIO

1. Daniele Corona, Le zone umide in Primiero. Indagine e caratterizzazione fisica

2. Alessio Bertolli e Filippo Prosser, Importanza delle zone umide per la flora (piante superiori) in Primiero

3. Piergiovanni Partel, La fauna vertebrata delle zone umide di Primiero

4. Angelo Longo, Pestolàr te l palù. Le zone umide di Primiero tra storia e antropologia

5. Elena Luise e Federica De Luca, Esperienze didattiche del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino. Le zone umide

6. Marialuisa Dal Cortivo, Interventi di gestione e ripristino di un’area umida di interesse internazionale. La Riserva Naturale Vincheto di Celarda (BL)

7. Nadia Breda, Infinite anfibie antropologie per umani e non

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi