Home / Territorio e Comunità / terred'acqua / L’oceano in fondo al sentiero

L’oceano in fondo al sentiero

1398788600_04f7301617

lo sguardo pulito di un bambino amplifica la percezione suggerendo nuove visioni poetiche e più vaste riflessioni metafisiche

 

«Sei proprio una brava bimbetta» osservò Mrs Hempstock. «Tempo che l’acqua bolla, saranno qui per chiedermi se ho visto qualcosa di strano e bersi il loro tè. Perché non porti il ragazzo allo stagno?»

«Non è uno stagno» protestò Lettie. «È il mio oceano.» Si voltò verso di me: «Vieni». Seguimmo a ritroso il percorso verso la porta principale e uscimmo.

La giornata era ancora grigia.

Girammo intorno alla casa, lungo il sentiero delle mucche.

«È un vero oceano?» domandai.

«Oh, sì» rispose.

Ci arrivammo all’improvviso: un capanno di legno, una vecchia panchina e, in mezzo, uno stagno, la superficie scura punteggiata di ninfee e lenticchie d’acqua. Un pesce morto, argenteo come una monetina, galleggiava riverso sul fianco.

«Brutto affare» osservò Lettie.

«Mi pareva avessi detto che era un oceano» dissi. «E invece è solo uno stagno.»

«È un oceano!» ribadì lei. «Lo attraversammo che ero appena nata, arrivando dalla vecchia terra.»

 

 

da: L’oceano in fondo al sentiero, Mondadori, Milano 2013,

Neil Gaiman, all’anagrafe Neil Richard MacKinnon Gaiman, (1960 -) è uno scrittore, fumettista, giornalista e sceneggiatore televisivo e radiofonico britannico

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi