Home / Territorio e Comunità / terred'acqua / poesia / Il silente stagno di Ryokan

Il silente stagno di Ryokan

“In dialogo con il più famoso haiku di Basho, Ryokan gioca sottilmente, mostrandone un possibile rovescio. Se per Basho non c’è nulla, nemmeno il più piccolo evento (il tuffo di una rana), che non risuoni sullo sfondo abissale del tempo (l’antico stagno), per il Ryokan di questi versi ogni fenomeno è «nuovo»: tutto si produce e scompare senza lasciare traccia.” Così commentano questa composizione padre Riccò e Paolo Lagazzi confermando, ancora una volta, la ricchezza anche metaforica e simbolica delle terre d’acqua.

Ara ike ya

Kawazu tobikomu

Oto mo nashi

Il nuovo stagno.

Salta dentro una rana –

nessun rumore.

da: Il muschio e la rugiada. Antologia di poesia giapponese, a cura di Mario Riccò e Paolo Lagazzi, Rizzoli, Milano 2002, p. 131.

Yamamoto Ryokan (1758-1831): «il folle» oppure «lo scioccone magnanimo», questo il senso del nome d’arte che si attribuì Yamamoto Eizo, il quale esercita una poesia innocente e sorniona, assieme umoresca e volatile. Nutrito da una profonda conoscenza dei classici cinesi e giapponesi, nella sua ampia produzione, pratica il sorriso. Senza però mai allontanarsi dalla consapevolezza del carattere effimero delle cose.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi