Home / da/per primiero / baite / Metodi per la lettura del patrimonio culturale alpino: dai manuali per il recupero alle esperienze locali nelle valli alpine del veneto

Metodi per la lettura del patrimonio culturale alpino: dai manuali per il recupero alle esperienze locali nelle valli alpine del veneto

di Franco Alberti

di Franco Alberti

Architetto, dirigente dell’Unità Organizzativa di pianificazione territoriale strategica e cartografia della Regione Veneto.

Gli interni prima e dopi il recupero dell’edificio pilota di l’Andria, risultato del workshop progettuale di Selva di Cadore.

Questo contributo affronta gli aspetti fondamentali dell’edilizia tradizionale nel Veneto ed in particolare nella montagna bellunese.

Sappiamo infatti che nell’arco alpino, ancor più profondamente di quanto accaduto in altre aree geografiche, l’edificato rurale si è trasformato ed evoluto in stratta relazione con la topografia, i fattori climatici e naturali, l’esposizione al sole, la reperibilità di materiali locali.

Le comunità locali hanno quindi sviluppato una “coscienza spontanea” che ha coniugato natura e tecnica, forma e funzione.

L’edilizia tradizionale è quindi, soprattutto in quest’epoca storica in cui l’edilizia ha bisogno di rinnovamento, fonte indispensabile di ispirazione e maestra di conoscenze: essa infatti non si limita ad esprimere uno stile architettonico ma è altresì elemento chiave su cui si può strutturare una nuova visione e costruzione del paesaggio, una diversa concezione d’insediamento e un sostenibile uso del territorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi